"ARTISTI PER LA PACE"


JOSELIN ST.AIMEE

 

Vocalista e cantante gospel, è nata in Inghilterra, ma è cresciuta negli Stati Uniti dove ha vissuto in prima persona, sin da bambina, l’esperienza dello spiritual nelle chiese avventiste americane. Joselin considera il proprio talento canoro un dono del Signore attraverso cui far comprendere l’essenza divina della musica gospel. Si esibisce sia come solista che con i più importanti musicisti afroamericani presenti nel nostro Paese tra i quali ricordiamo Cheryl Porter, Sherrita Duran, Joyce Yuille, Ken Bailey, Federica Baccaglini, i Bronzeville American Gospel Group di Harold Bradely, figura leggendaria della musica afroamericana in Italia. Il gruppo ha anche partecipato all’evento “La bibbia giorno e notte” trasmesso interamente per 72 ore consecutive dalla Rai. Ha collaborato con l’Halleluja Gospel Choir di Cheryl Porter, considerata una delle più importanti cantanti gospel presenti in Italia, esibitosi alla trasmissione di Rai1Ti lascio una canzone”, all'Arena di Verona in occasione della "Festa della Fede" e in Piazza San Marco in occasione del concerto di Zucchero Fornaciari. Ha inoltre partecipato come cantante solista al Torre Alfina Blues Festival, al Boston Green Festival e si è esibita al Blue Note di Milano con il gruppo Be-Gospel. St.Aimee promuove la cultura musicale afroamericana organizzando seminari e workshop di musica gospel in Italia e all'estero in collaborazione con Nehemiah Brown, figura di spicco della musica gospel in Italia, esibitosi nel 2003 davanti a Papa Woytila. Nel 2012 ha presento il suo primo album musicale intitolato Love Sacrifice, e il suo single Rolling Raging, da lei scritto e composto con la collaborazione del pianista Michele Bonivento, uno dei maggiori pianisti gospel italiani. Attualmente Joselin St.Aimee è presidente e direttore artistico dell’associazione culturale no-profit "Acting Out English Academy" (AOEA), che si occupa della promozione e dell'apprendimento della lingua inglese attraverso la musica ed il teatro. Dirige, inoltre, il coro “Venice Community Gospel Choir”, coro nato con la finalità di promuovere la cultura afroamericana diffondendo un messaggio di pace e tolleranza tra i popoli. Nel 2015 Joselin ha debuttato in Italia con il suo primo pezzo teatrale da lei scritto, recitato e cantato intitolato “Freedom Warrior” nel quale viene rappresentata la vita straordinaria della schiava afroamericana Harriet Tubman. La sua vocazione umanitaria l’ha portata dal 2016 ad essere creatrice e direttrice artistica della manifestazione “Music for Peace” in occasione della giornata internazionale delle Nazioni Unite, manifestazione che nel 2017 ha visto il supporto di numerose istituzioni nazionali ed internazionali tra le quali l’UNICEF, AVAPO Mestre ed Emergency.


JOYCE YUILLE

Gospel, soul, blues e jazz: questo è il background di Joyce Yuille, artista di New York, ed entertainer di altissimo livello. Joyce porta nella musica il dinamismo e l'espressività vocale più autenticamente legati al linguaggio jazzistico di matrice nera venato di soul, blues e una trascinante verve ritmica e interpretativa. Le sue doti vocali sono in grado di colpire anche lo spettatore più raffinato, ma allo stesso tempo comunicano a tutto il pubblico la grande energia e passionalità di questa cantante. E’ diplomata in una delle più prestigiose scuole degli Stati Uniti, La Guardia High School Of The Music and the Performing Arts, divenuta poi famosa nel mondo, con il film "Saranno Famosi". La musica ha sempre rappresentato per Joyce l’energia vitale e negli anni la sua carriera di cantante è cresciuta al punto di portarla sul palco con i grandi nomi internazionali del panorama Soul, Jazz e Pop come Gloria Gaynor, Donna Summer, Randy Crawford, Ronan Keating, Sister Sledge, Dee Dee Bridgewater e molti altri. Joyce ha anche creato il gruppo "Gospel Times" tra i più consciuti nel panorama gospel italiano e continua a mettere a disposizione il suo talento collaborando con i migliori musicisti di fama nazionale e internazionale.


GOSPEL TIMES

"Cantiamo e ringraziamo Dio per ogni giorno che verrà. Cantiamo della gioia, del dolore, della felicità e della sofferenza". Poche ma essenziali parole attraverso cui Joyce Yuille, anima di questo gruppo,  spiega come dietro alla sua nascita ci sia la profonda passione per la musica gospel di un gruppo di cantanti solisti d’altissimo livello che "abbandonano" la loro carriera per diffondere insieme il messaggio della musica della "buona novella". 

 Gospel Times è considerato oggi una delle realtà più amate ed apprezzate nel panorama gospel italiano per l’energia profusa nel diffondere i valori tradizionali della musica gospel in un viaggio attraverso ritmi ed atmosfere in grado di raccogliere le differenti esperienze artistiche dei suoi componenti. Un repertorio ricco di “gospel”, “spiritual” e “traditional” interpretati da voci straordinarie dalle grandi capacità vocali a partire dalla leader Joyce E. Yuille, al talento di Julia St. Louis alla straordinaria voce di Joselin St.Aimee, alla voce ricca di sfumature di Wendell Simpkins .


WENDELL SIMPKINS

nato ad Aiken, SC (USA), canta dall'età di 3 anni. Ha cominciato la sua carriera artistica esibendosi nelle chiese e nelle scuole della sua città. Vanta un ricco background nel campo del musical, della musica gospel e della musica classica. Professionalmente Wendell, oltre a cantare, dirige, insegna musica, organizza seminari e fa il vocal coach. Collabora inoltre in varie produzioni teatrali come Dreamgirls (Curtis Taylor, Jr), La Bella e la Bestia (la Bestia) e The Worls’s Famous Harlem Gospel Choir. Wendell è attualmente direttore artistico dei gruppi Soul Voices Milano e The Mahogany Experience, ed è stato il vincitore di 4 GMA (Gospel Music Awards Italia) dove è stato premiato come miglior cantante maschile nel 2015 e 2016.


KENN BAILEY

Cantautore e sassofonista anglo-giamaicano. Chi lo ascolta afferma che la sua voce e il suo talento nel suonare il sax, riescono a far scoprire nell'ascoltatore le radici più profonde della musica afroamericana. Il suo percorso musicale inizia da bambino nella chiesa pentecostale di Nottingham (UK), dove i suoi genitori, originari dalla Giamaica, svolgono un ruolo attivo nella comunità religiosa. Da loro apprende la prima influenza musicale afro-giamaicana e si avvicina alla musica Gospel. Il linguaggio di Bailey mescola con originalità e sapienza il Jazz, Soul, RnB al Reggae, senza trascurare l’influenza del pop europeo, da lui coniato BO-POP”. Recentemente ha suonato per Eros Ramazzotti all’Arena di Verona in occasione del WMA (Wind Music Awards 2015) e si è lanciato con tutto se stesso nella creazione di un nuovo gruppo musicale denominato “Spaghettification”. Quest’anno ha scritto un brano intitolato ‘Tenebre’, cantato  in italiano ed inglese. Il pezzo è arrivato fra i 12 finalisti al Festival Show.  stato il vincitore di 4 GMA (Gospel Music Awards Italia) dove è stato premiato come miglior cantante maschile nel 2015 e 2016.


JULIA ST.LOUIS

nasce a Preston una cittadina inglese situata nel Lancashire (UK). Di origini caraibiche muove i primi passi nel mondo musicale cantando nel coro gospel della chiesa locale. In Italia per un anno di esperienza post college, comincia a cantare con alcuni gruppi di cover milanesi e nel giro di poco tempo trasforma quello che era iniziato come un passatempo in una professione e partecipa alla realizzazione di vari progetti di musica Soul, Dance R&B, Gospel e Jazz.

 

Nel 2008 incide il suo album da solista “We can” e avvia diverse collaborazioni con artisti di fama nazionale ed internazionale che accompagnerà in show, tournèe, e trasmissioni televisive. Tra i più importanti ricordiamo Laura Pausini (En Vivo world tour), Antonello Venditti (Dalla Pelle al cuore e Unica tours) Elisa (Lotus tour & Pearl days Tours), Double you (Brasilian tour), Andrea Mingardi (Mediolanum tour e San Remo con The Blues Brothers). Ha collaborato anche con altri artisti quali Fausto Leali, Amii Stewart, Paolo Meneguzzi, Luca de Risio, The Harlem Gospel Choir, Detroit Gospel Choir (Italian tours). Nel campo della musica dance spiccano le collaborazioni con Frank'O Moiraghi, Mimmo Mix, Dama "The beautiful ones", The Relight Orchestra “Change” e Alain Ducroix. Attualmente collabora a vari progetti discografici, principalmente dance, e si esibisce con il gruppo “Gospel Times”.


CAROLINE AWUKU

Dopo una lunga preselezione online che ha coinvolto oltre 100 ragazze provenienti da ogni parte d'Italia, Caroline è stata una delle sei ragazze selezionate per far parte del gruppo Dynamo creato dalla cantante gospel Cheryl Porter che ha partecipato a XFactor nel 2014. Un gruppo che si è contraddistinto per la sua verve e una ricchissima vocalità, tanto da ritagliarsi un proprio spazio nel panorama della musica pop italiana.  Il gruppo era stato infatti creato allo scopo di riempire ciò che Cheril Porter ritenesse essere un tassello mancante nel panorama della musica Italiana: un gruppo vocale femminile Pop che potesse considerarsi come risposta rivisitata e “made in Italy” di gruppi di rilievo del pop internazionale quali  Destiny's Child, Little Mix, Envogue, Pussycat Dolls.


DANIELA POBEGA

Nata in Brasile e cresciuta a Trieste, Daniela Pobega è cantante versatile che spazia fra più generi musicali. Inizia la sua carriera in Italia nel 2004 con Pinocchio, il grande musical con le musiche dei Pooh, nel ruolo di Fata Turchina. Prosegue poi con "La piccola bottega degli orrori", "Jesus Christ Superstar" e "Flashdance", prima di trasferirsi in Spagna dove interpreterà per 4 stagioni consecutive Nala nel musical "El Rey León" al Teatro Lope de Vega di Madrid. Ritornata in Italia interpreta Sarah in Ragtime al Teatro Comunale di Bologna e Giglio Tigrato in Peter Pan al Teatro Linear Ciak di Milano. Nel 2015 è Elizabeth, la leading singer in Dirty Dancing, the Classic Story on Stage, spettacolo per il quale verrà chiamata dai produttori inglesi ad interpretare lo stesso ruolo per il tour internazionale e UK, con importante tappa nel West End, nel dicembre 2016, al Phoenix Theatre di Londra. Recentemente, ha interpretato Jane in "A Bronx Tale" al Teatro Nuovo di Milano. Attualmente è front woman della band pop-rock tutta femminile delle D_LAY. È appena uscito il suo singolo dance, disponibile in tutte le piattaforme digitali, versione house, del celebre brano di Diana Ross “Upside Down”, su etichetta RNC Music 


SVETLANA SHEINA

nata a Mosca, già da piccola sentiva crescere in se la passione per il canto, la recitazione e la musica. A Mosca studia presso la prestigiosa accademia russa di arte teatrale Rati-Gitis. Successivamente, inizia a girare il mondo cantando nei musical e partecipando a vari concerti e festival di canto dove vince sempre il primo premio. A Mosca lavora come attrice in diversi teatri della città e intraprende anche la carriera di doppiatrice e attrice recitando ne  “Le mogli del Cremlino” nel ruolo di Catherine Voroshilova  sul canale NTV della televisione  russa. 


SOUL VOICES MILANO

diretto da Wendell Simpkins, nasce nel 2015 ed è la realizzazione di un sogno che, come nelle migliori favole, è diventato una bella realtà. Il sogno era quello di Paulette James Ferri, modella americana che sfilava per Giorgio Armani. Dal momento in cui ha incontrato Wendell Simpkins ha sentito il forte desiderio di creare insieme a lui un coro che potesse esprimere e trasmettere le stesse emozioni delle musiche e melodie gospel della sua infanzia trascorsa a Chicago. Così, nel breve giro di qualche tempo è nato un coro che ha intrapreso un cammino pieno di gratificazioni, gioia, condivisione, superando in certi frangenti le stesse aspettative di Paulette James Ferri. 

 


VENICE GOSPEL COMMUNITY CHOIR

diretto da Joselin St.Aimee, è il risultato di una delle attività dell'associazione Acting Out English Academy di cui St.Aimee è Presidente. Il coro è nato con la finalità di promuovere la cultura afroamericana diffondendo un messaggio di pace e tolleranza tra i popoli. Perché "Community Choir"? Perché le sue porte sono aperte a tutti coloro che sono uniti dalla passione per il canto e la musica Gospel, rappresentando un'occasione d'incontro e scambio multiculturale e multi-generazionale. Per preparare i partecipanti al coro sono previste lezioni di canto corale con Joselin St.Aimee tutti i martedì presso la parrocchia della Chiesa di San Giuseppe, in viale San Marco (fermata tram Molmenti).  Per informazioni: info@aoea.org,. 


IVAN ZUCCARATO

è senza dubbio uno dei più talentuosi pianisti di soul, jazz, gospel italiani. Nel 1992, durante un corso di perfezionamento presso la “Manhattan School of New York” si avvicina profondamente al Jazz e alla musica americana. Le prime Band importanti, di estrazione soul-funk, sono gli Exogroove e i Kaìgo prodotti da Caterina Caselli con i quali parteciperà a Sanremo e molte altre trasmissioni Tv Rai e Mediaset. Successivamente realizza due album e collabora con la Band Latin Jazz del sudamericano Mowgly Gutierrez. Sempre negli anni ‘90 accompagna diversi cantanti del panorama musicale italiano tra cui Alexia, Michele Zarrillo, Sir Oliver Skardy e le Sisters dello spettacolo “Chiambretti Night”. Nel 2001 è in tour con Dave Sumner e Kim Brown dei Renegades e The Cadillacs. Nel 2004 col la band The Wish apre il tour italiano dei Take 6. Nel 2005 con il gruppo G.M. Fusion Project partecipa all’Internazional Jazz Festival di Rochester, New York. Nel 2005 partecipa al progetto “Old Friends New Friends” suonando e collaborando con Peter Erskine, Alain Caron, Shela E, Mark Kelso, Simon Webbe e Gino Vannelli. Dal 2006 inizia a suonare e a collaborare con i cantanti inglesi e americani presenti in Italia appartenenti alla “soul black music”.  Negli ultimi anni ha iniziato varie collaborazioni con diversi cantanti blues, jazz, soul inglesi e con vari cori Gospel come il Venice Gospel Ensemble di Luca Pitteri, il coro Padovano dei Blubordò, Choritaly di Alessandra Pascali e con il nuovo G.C. Powerful Choir Friulano di Alessandro Pozzetto. Nel 2014 si esibisce nel Church Italian Tour a New York negli USA con la cantante italiana Chiara Luppi. Dal 2015, col progetto dei THE BREX.IT Acid Jazz, inizia a suonare per i più importanti artisti della scena Londinese tra cui Zalon Thompson, Brendan Reilly, Vula Malinga e Sharlene Hector. Tra i suoi ultimi progetti e recenti collaborazioni spiccano l’elettronico N.P.Project, il Funk Soultrax, il classico e moderno iZeta Liryc Project e iZeta Trio.

 


DAVIDE MICHIELETTO

Batterista specializzato in ritmi jazz e della musica etnica, con numerosi concerti in vari festival e rassegne. Collabora come percussionista con la Thelonious Monk Big Band, S.Swallow, C.Bley, P.Tonolo, M.Tamburini e molti altri. Nell’ambito classico collabora con le orchestre di Pordenone, Belluno e la “Piccola Sinfonica” di Milano. Con l’ensemble di percussioni “Brake Drum Percussion” partecipa a numerosi festival di musica contemporanea in tutta Europa con dirette radiofoniche (RAI Italia, SRW Germania). E’ stato commissario in giuria al concorso  internazionale “D.Jenko” di Belgrado nella sezione musica da camera.   


MANUELE MAESTRI

Dopo aver terminato gli studi al Berklee College of Music di Boston, si specializza con alcuni tra i migliori musicisti di livello internazionale come Francis Hylton (Incognito), Oscar Stagnaro (Grammy miglior bassista latino americano), Andrew Gouche (Prince, Michael Jackson) e Federico Malaman.  Ha collaborato con Patty Pravo, Imaani Saleem, Rock Blues Society , IMT Vocal Project, Joyful Gospel Group, Venice Gospel Ensemble.

Oltre alla professione di musicista ed insegnante, si dedica all'attività di copista/trascrittore musicale scrivendo per vari artisti numerosi manuali di strumento venduti in tutto il mondo. Profondo conoscitore dell'informatica musicale e di videoscrittura musicale, decide di addentrarsi sempre di più nel mondo della tecnologia avvicinandosi allo stesso tempo al mondo della disabilità. Nasce così il progetto “Musica Senza Confini”, con lo scopo di contribuire in prima persona all'inclusione e contrastare la “diversità'' nel rispetto della pari dignità sociale. 

 


STEFANO CALZOLARI

E' pianista del gruppo "Gospel Times" diretto da Joyce Yuille. Come compositore, pianista e direttore si è distinto tra il 2002 e il 2005 in una serie di concerti dal titolo "900 Metamorfosi", con il gruppo "Rapsodia Ensemble" da lui creato: una sorta di orchestra aperta che prevede nel suo insieme un quartetto d`archi,un trio jazz, e un trio di ance per l`esecuzione di musica di autori classici e jazz del 900. Condivide con la cantante statunitense Joyce E. Yuille il progetto "Sassy" dedicato a Sarah Vaughan. Con la cantante lirica Barabara Vignudelli "VIVA VERDI", un concerto di arie d'opera verdiane inframmezzate a parafrasi jazzistiche. Ha lavorato come pianista in ambito jazz in Italia e all’estero  con il chitarrista Garrison Fewell, la vocalist Norma Winstone e in concerto con Gary Chaffee, Paolo Fresu, Ed Cherry, Carlo Atti, Massimo Manzi, Marco Remondini, Gianni Coscia, Ares Tavolazzi, Michael Allen, Ronnie Jones, Cheryl Nicherson ,Bobby Johnson, Geoff Warren, Rita Botto, Lalo Cibelli, Elisabetta Sacchetti, Rossella Graziani, Athos Bassissi, Hengel Gualdi, Ellade Bandini, Felice del Gaudio, Lele Barbieri, Gianni Cazzola, Lucio Dalla, Stefania Rava, Chris Thomas, Kiyoshi Kitagawa, Francisco Mela, Luigi Bonafede, Pietro Leveratto e tanti altri. Ha partecipato a importanti rassegne e festival. Condivide con vari pianisti classici, tra cui Giuseppe Fausto Modugno, "Piani diversi", performance in cui piano-classico e piano-jazz si confrontano al di la delle barriere culturali e dei luoghi comuni. Come tastierista e arrangiatore ha preso parte a diverse incisioni discografiche e curato le musiche di spettacoli con la regia di Giorgio Belledi e Daniele Sala. 


LA PRESENTATRICE:

CLAUDIA VIGATO

Conduttrice di eventi, autrice e lettrice di testi, inizia nel 2007 a presentare i primi concerti. La sua professionalità  le sue capacità di tenere il palco non ha nienta da invidiare a presentatrici conosciute a livello nazionale. La passione per questa attività la porta a studiare dizione e recitazione presso il Centro studi sull'Etnodramma di Monselice (Pd) e, in seguito, a frequentare la Scuola di Teatro Carlo Goldoni a Bagnoli di Sopra (Pd). Claudia sviluppa e mette così alla prova quella che appare essere in lei una propensione innata: parlare in pubblico. Claudia cura personalmente l'organizzazione delle scalette prima e dei copioni poi, redigendo i testi e adeguandoli al contesto in cui la manifestazione si svolge, secondo le esigenze dei committenti.

Dice di lei: "in fondo, credo di trasmettere, anche mentre parlo davanti ad un microfono, il mio essere spontanea ed ironica, o almeno lo spero, visto che, se il contesto lo consente, mi diverte strappare un sorriso agli spettatori....Ciò che mi prefiggo è di destare e mantenere vivo l'interesse del pubblico, intrattenendolo e offrendo la migliore prestazione possibile sia nei contenuti, sia nella forma."